Piacere, io sono BUSLIN ”...il nostro progetto è sfamare l’Africa”

Buslin è un sistema semplice e innovativo che, grazie a elevate competenze tecnico-scientifiche ed all’uso della tecnologia, pone le basi per una nuova economia nelle zone africane in maggiore difficoltà al fine di migliorare le condizioni economiche e nutrizionali della popolazione locale contribuendo anche alla prevenzione delle migrazioni sfavorevoli. 

In particolare, la continua formazione per la crescita mira a costruire due livelli di imprenditorialità rurale:

1. I nuclei familiari: che nell’allevare gli animali e/o nel produrre altri tipi di alimenti in funzione delle scelte strategiche di Buslin, della cultura e delle potenzialità produttive di ogni singola famiglia, sperimentano una forma di micro-imprenditorialità priva di rischi e controindicazioni.
2. I manager locali: persone che dimostrano di volersi impegnare in prima persona prestando la propria attività come manager di unità locali e che parteciperanno agli utili prodotti nella propria zona di competenza. 
Secondo il piano operativo a lungo termine di Buslin, i Manager e i “dipendenti” ricevono più del loro salario ma parteciperanno e nelle quote della società per cui lavorano.

Dalla diagnosi sui livelli del cattivo atteggiamento mentale, soglie di povertà, livelli della fame e della malnutrizione, si passa all’ideazione delle iniziative mirate e concentrate su un numero ragionevole di nuclei familiari rurali o periurbani pilota (al massimo 100 piccole azienda familiari per un’unità funzionale locale) fino al raggiungimento di livello accettabili dei suddetti parametri di valutazione con zero povertà assoluta, zero fame e zero malnutrizione con particolare attenzione all’azzeramento della carenza proteica e della malnutrizione nelle sue varie sfaccettature.

 





Scopri il progetto

Sport e resilienza, una speranza per la Siria

Dopo sette anni di conflitto armato, la Siria presenta grandi lacune in materia di diritti dell’infanzia. La povertà diffusa e lo stato di degrado accrescono le condizioni di vulnerabilità della popolazione, in particolare dei bambini che sono considerati l'ultimo gradino della scala sociale. Secondo i dati di Unicef, sono 125mila i minori che, in seguito alla guerra, sono a rischio di violenza e abusi. Un’intera generazione che ha vistocrollare i propri punti di riferimento e ha sperimentato un sentimento di perdita di controllo e di impotenza, in quanto la rete sociale non riesce a essere più responsiva ai loro bisogni. Risulta quindi necessario un intervento volto a limitare le conseguenze negative dell’evento traumatico e a favorire lo sviluppo dei diversi fattori di resilienza, attraverso risorse interne ed esterne.

L’obiettivo del progetto è creare uno spazio sicuro di aggregazione e di socializzazione al di là di ogni credo religioso, dove i ragazzi e le ragazze possano sentirsi protagonisti e non succubi di eventi catastrofici imposti dagli adulti. «Uno spazio dove si possa apprendere delle regole, socializzare e rafforzarsi emotivamente. Ma soprattutto dove si cresce in modo resiliente di fronte alle difficoltà della vita, consapevoli che l'aspirazione, la perseveranza, la fiducia in se stessi, la capacità di gestire le situazioni di stress siano aspetti cruciali per la crescita del minore».

Sono tutti elementi che possono essere coltivati con l'attività sportiva, e che quindi renderanno lo sport ancora più utile ai ragazzi e alle ragazze coinvolte nel progetto, che hanno vissuto il dramma della guerra. «Ora che la fase più crudele della crisi sembra superata, questi giovani cercano la normalità, desiderano riappropriarsi della propria vita e guardare ad un futuro di pace. Homs e la Siria si ricostruiscono partendo dalle rovine, ma dobbiamo ricordarci che le rovine non sono solo quelle che si vedono nelle strade. Ben profonde sono quelle dell'anima, della psiche, del cuore. E il governo siriano ha pochissime risorse per le emergenze psico-sociali».

 Come contribuire

Tra le tante azioni presenti nel progetto, la formazione degli operatori, la consulenza per la realizzazione del programma con circa 400 bambini partecipanti, un’équipe di psicologi che interverrà sia con bambini sia con le famiglie, le azioni di monitoraggio e la valutazione finale dell’efficacia dell’intervento. Lo sport può aiutare, perché rafforza risorse individuali e collettive e mette in campo energie che aiutano la resilienza, cioè la forza d'animo per affrontare e superare le vulnerabilità. Per contrubuire, è possibile scrivere a sportresilienzasiria@gmail.com





Scopri il progetto

Borsa di Studio in memoria di Agostino Fusconi

Per onorare la memoria del caro Agostino Fusconi, familiari e amici hanno deciso di attivare una borsa di studio rivolta a studenti bisognosi della laurea specialistica in Economia dell'Università Cattolica di Milano.

Chi desiderasse unirsi nel ricordo può contribuire a tenere vivi i valori per i quali il Professor Fusconi si è prodigato con grande umanità,  impegno ed energia durante la sua vita e in particolare nella sua carriera professionale.

 





Adozioni a Distanza Mogwli Aid

Con questo regalo permetti ad un bambino orfano della Repubblica Democratica del Congo un anno di istruzione, cibo e salute, ma soprattutto una figura di riferimento che possa seguirne la crescita giorno dopo giorno.

La quota annuale è di 280 Euro.

La persona a cui donerai questa adozione riceverà una lettera o un disegno, notizie e foto e avranno in ogni momento la possibilità di scrivere al bambino.

Purtroppo al momento la situazione politica del Congo e drammatica e molto pericolosa, a causa della guerra civile in atto: per questo non è possibile andare di persona a fare visita ai bambini. 

Non appena riceveremo conferma della tua adesione ti contatteremo per sapere se inviare a te il materiale, o direttamente al beneficiario del dono.

Non esitare a contattarci per qualunque ulteriore informazione. 

 



Durata Adozione


Scopri il progetto

I versamenti all’Associazione Francesco Realmonte ONLUS, possono essere effettuati in banca presso:

Credito Artigiano
Sede di Milano – Stelline
C.so Magenta, 59 – 20123 Milano
IBAN IT 71K0 52160 1614 00000000 8857