ARCHIVIO STORICO

Luogo: kenya, Milano, Comuni del mantovano, Congo
Beneficiari: 300
Staff: 15

Earthquake Heartquake

Aiutare i bambini ad affrontare la fase di post emergenza e a ricucire le ferite del terremoto

 

Il progetto si rivolge ai bambini e ai loro tutori educativi, insegnanti e genitori, residenti nei comuni della Regione Lombardia colpiti dal terremoto di Quistello, Pegognaga, Moglia, Dosolo e Gonzaga. Sebbene questi paesi siano stati fortemente colpiti dal sisma, non hanno potuto beneficiare degli aiuti, che sono stati destinati in prevalenza alle zone terremotate della Regione Emilia-Romagna. 

Afferma un genitore: “Qualche mese fa qualcosa si è interrotto cambiando il nostro sentire e la percezione del mondo che ci sta attorno e adesso dobbiamo ricercare un nuovo equilibrio e ripartire con occhi diversi”. 

 

Adotta una Mucca

Samburu Community farm

Nel bando FAVORIRE UNO SVILUPPO SOSTENIBILE, ATTRAVERSO LA PROMOZIONE ECONOMICA E SOCIALE DELLE POPOLAZIONI DEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO“ l'Associazione Realmonte si impegna a promuovere il programma di educazione alimentare "Adotta una mucca" che si sviluppa secondo le linee indicate del Consiglio d'Europa (la responsabilità verso se stessi, gli altri e l’ambiente) con un duplice obiettivo:

-      in KENYA -  a rafforzare e migliorare la sicurezza alimentare delle popolazioni locali attraverso corsi di formazione nutrizionale e sanitaria rivolti sopratutto alle donne, a promuovere tecniche innovative per un'alimentazione sana ed equilibrata.

-      in ITALIA - si impegna ad attuare i progetti educativi-interculturali promossi nelle scuole di primo grado del territorio lombardo: attraverso un percorso di sensibilizzazione le classi verranno avvicinate al tema del cibo e di una sana alimentazione, conosceranno la ricchezza della madre terra, verranno a contatto con il bestiame per la valorizzazione del rapporto uomo-natura e “adotteranno una mucca” in Kenya. Sarà un percorso educativo/pedagogico sfociante in una campagna che rende i bambini direttamente partecipi con il Sud del mondo. Rivestirà inoltre il ruolo di organizzatrice di eventi di sensibilizzazione sul suolo italiano, attraverso convegni e seminari di educazione alla mondialità

-      Si impegna infine a creare una rete di scambio di buone prassi tra nord e sud del mondo attraverso l'esperienza in Kenya di alcuni esperti in cooperazione internazionale e in pedagogia interculturale.

L'Associazione Francesco Realmonte implementerà il programma nell'arco dei 24 mesi  promuovendo l'acquisto dei primi capi di bestiame del Maralal Pastoral Centre con una somma iniziale di 3'000 euro e monitorerà l'andamento del progetto nella durata dello stesso. 

Alfabetizzazione in Congo

Alphabétisation des femmes, filles et jeunes gens victimes de guerre  

Le continue guerre nella Repubblica Democratica del Congo hanno avuto gravi conseguenze come spostamenti delle popolazioni, distruzione delle infrastrutture socio-economiche, massacri, stupro di donne e ragazze, atrocità di ogni genere, e l'aumento dell'analfabetismo giovanile e femmile. Questa situazione pesa ulteriormente sulla condizione delle ragazze che, fin dai primi anni di età, secondo le usanze e le tradizioni dei popoli del territorio di Mwenga, sono penalizzate rispetto ai ragazzi. Infatti, in diverse famiglie di questo territorio, la scolarizzazione è ancora limitata solo ai ragazzi mentre le ragazze devono prepararsi per il matrimonio seguendo le madri nel lavoro domestico e rurale.

Con le guerre, il tasso di analfabetismo delle donne è stato raggiunto da quello dei ragazzi che sono stati costretti ad arruolarsi troppo giovani nei vari eserciti e nelle milizie, attive nella DR Congo orientale e soprattutto nel territorio di Mwenga considerato bersaglio di disordini a causa della grande ricchezza del suo sottosuolo.

Nel territorio di Mwenga, dove CMM-ASBL ha trasferito la sua sede da un anno, le donne e le ragazze formano la spina dorsale della sopravvivenza della famiglia, elemento fondante per la vita socio-economica del paese.

Nonostante il loro enorme contributo per le loro famiglie, le donne nel territorio di Mwenga in generale, e nei territori di Kakulu e Kasika (due centri dove opera la MMC) in particolare, sono vittime di molti abusi che potranno peggiorare se non verranno prese misure per combattere questo fenomeno.  E la prima misura da prendere è di assicurare loro una formazione.

Come dice il proverbio: "educare una donna, è educare un'intera società”.

Il CMM assiste le vittime della guerra tra cui molte donne e ragazze. Esse sono per la maggior parte superstiti dei massacri nel 1998, vittime di violenza sessuale e torture, con traumi psicologici molto gravi. Oltre alla guarigione è fondamentale l’accompagnamento nel reinserimento nella società e nella ricostruzione della propria autostima.

È in questa prospettiva che il CMM intende integrare alle cure mediche fornite a queste donne e ragazze un cammino di alfabetizzazione, di formazione di base in materia di diritti umani, dirittoi delle donne e diritti del bambino, formazione di base in materia di agricoltura e allevamento con un programma in partenza di due anni.


Sostieni il nostro lavoro con una donazione.