Punto a Capo

Luogo: Piazza Buonarroti 30, Milano
Beneficiari: richiedenti asilo e rifugiati politici
Staff: 2
Obiettivo:

Il progetto Punto a capo – Sos Studenti si propone di offrire ai giovani uno spazio “fisico e mentale” in cui trovare condizioni di relazioni e di dialogo in grado di favorire il cammino di integrazione e lo sviluppo di risorse personali nella sfida di vivere al meglio la nuova realtà e procedere nell’elaborazione del proprio progetto di vita di studi universitari e di futura attività lavorativa. 


Il centro si propone alcuni obiettivi specifici

-Creare una rete di relazioni di supporto;

-Sostenere il percorso di integrazione sociale e lavorativo;

-Creare nuove abilità relazionali nella scoperta dei talenti/potenzialità/sinergie, favorendo l’emergere di una maggiore coscienza intrapersonale e interpersonale;

-Proteggere l’identità culturale, rafforzare le risorse personali e sviluppare competenze adattative;

-Offrire percorsi di orientamento.

Le molteplici attività che vengono offerte sono:

1. Sportello counselling psicologico e sostegno psicosociale

Lo psicologo, coordinatore del progetto, è un punto di riferimento presente al centro per sostenere il benessere psicosociale dei giovani che partecipano alle attività proposte. Ogni beneficiario è seguito personalmente nel suo percorso di integrazione sociale e relazionale sulla città di Milano e viene accompagnato nella conoscenza di servizi che possano aiutare ad intraprendere un cammino di resilienza.

2. Percorsi di rafforzamento della lingua italiana

Ai giovani vengono offerti dei corsi personalizzati individuali o in piccoli gruppi di lingua italiana e di conversazione. I beneficiari che frequentano i corsi di rafforzamento sono inviati tramite contatti con associazioni del Terzo Settore con cui l'Associazione Realmonte collabora in un'ottica di condivisione delle risorse e degli obiettivi da raggiungere. La disponibilità di volontarie qualificate permette di offrire un servizio efficiente ed efficace e sostiene i ragazzi nella scoperta del linguaggio e nelle modalità di interazione tra le persone.

3. Corsi di sicurezza generale

In collaborazione con la società Ligys, (impresa giovane, nata dall'esperienza di più professionisti che operano da anni nel settore della sicurezza, dell’ambiente e della qualità) si organizzano 4 corsi di formazione sulla sicurezza annuali, fondamentali per  inserire i giovani rifugiati nel mondo professionale. Ci si avvale anche della presenza di mediatori culturali, qualora l'ostacolo della lingua rende difficile la comprensione e la partecipazione al corso.

5.   Orientamento professionale

Partendo dal modello Life design e dalle teorie di career construction e self-constructing, il progetto mira a far riflettere e aiutare le persone a determinare quali competenze e conoscenze essi valutino necessarie nel loro sviluppo, per poi aiutarle a definire come (ovvero quali siano i metodi richiesti), chi (ovvero chi le persone che possono offrire supporto), dove (ovvero individuare luoghi e ambienti in cui il processo di sviluppo che hanno individuato possa avere luogo) e quando (il momento migliore per l’intervento) tali competenze e conoscenza possano essere acquisite. Il percorso si avvale di momenti di colloqui individuali, laboratorio manuali e attività di gruppo. L'intervento termina con una stesura del Cv, in cui la partecipazione del beneficiario è attiva e consapevole.

Responsabile Progetto:

Marta Rivolta

Operatori Volontari:

Carla Tagliabue

Ines Gravina

Nicoletta Panarello

Mariella Sinisi 

Sponsor

La Banca Popolare di Milano ha sostenuto il progetto per l'anno 2016


Sostieni il nostro lavoro con una donazione.